Meglio magro o intero? 5 cose da sapere sullo yogurt

Negli scaffali è tra i prodotti con più vasta scelta. Interi, magri, alla frutta, cremosi, liquidi.
Lo yogurt nel frigo non dovrebbe mai mancare perché i probiotici, i batteri “buoni” contenuti
in questo alimento, aiutano la digestione, stimolano il sistema immunitario,
producono importanti
vitamine assorbite poi dall’intestino ed aiutano a mantenere
le mucose intestinali ad un PH neutro.
Non lo fanno gratis, ma solo in cambio della nostra ospitalità e di un po’ dei nostri alimenti.
Ma attenzione, non tutti hanno questi benefici. Come sceglierli dunque?

1. Tutti i batteri sono utili?

Negli yogurt è necessario distinguere tra presenza di:

  • batteri lattici occasionali (alloctoni) che non colonizzano l’intestino e quindi senza gli effetti
    di cui abbiamo accennato all’inizio. Questi sono transitori nell’intestino, con effetti circoscritti e
    temporanei o destinati alla demolizione digestiva come alimenti;
  • batteri lattici permanenti (autoctoni o probiotici) in grado di attecchire e crescere
    nell’apparato digerente dell’uomo, formando una flora batterica stabile: i principali sono il
    Lactobacillus, Bifidobacterium, Enterococcus.

 

2. Naturale o alla frutta?

Controllate che gli ingredienti siano solo latte e fermenti e vi accorgerete che la scelta ricadrà
sullo yogurt naturale bianco. Se sembra troppo acido o il gusto non è di vostro gradimento,
potete aggiungere frutta a pezzi, frutta secca, orzo o caffè al momento che lo consumate.
Gli yogurt già aromatizzati con frutta o cereali contengono un numero ridotto di probiotici perchè,
non nutrendosi di fruttosio o altri zuccheri, trovano un ambiente meno favorevole alla loro crescita.
Evitate il più possibile prodotti contenenti zucchero, coloranti, conservanti,
aromatizzanti e edulcoloranti.

 

3. Intero o magro?

Scegliete lo yogurt bianco intero. Dal punto di vista organolettico e nutrizionale,
lo yogurt intero bianco è il migliore. Al contrario di quel che si pensa, il contenuto di grassi
di uno yogurt intero è estremamente basso; oggi va molto di moda preferire quello magro
con un livello di grassi inferiore all’1%, peccato che molto spesso questi prodotti presentino
degli additivi (zuccheri) molto più dannosi per sopperire alla mancanza di grassi.

 

4. Biologico o non biologico?

Naturalmente preferite il biologico.
Ma in questo ambito neppure gli alimenti biologici sono sinonimi di salutare!
Anche gli yogurt prodotti con il latte migliore possono contenere frutta, zucchero o altre aggiunte.
Quindi yogurt biologico, naturale, intero. Stop!

 

5. Yogurt da bere o crema di yogurt?

Il boom dello yogurt da bere è abbastanza recente.
Si tratta di latte in cui il processo di acidificazione dei fermenti è stato interrotto prima di raggiungere
la consistenza compatta tipica dello yogurt. Le pubblicità ci invitano a consumarli per rafforzare
le difese immunitarie e tenere sotto controllo il livello di colesterolo.
Ovviamente i miracoli non li fa nessuno, nemmeno i fitosteroli, senza una dieta sana,
una regolare attività fisica ed uno stile di vita regolare.

Per quanto riguarda i cremosi, non vanno confusi con lo yogurt! Contengono sostanze che li rendono
troppo grassi e troppo dolci: latte o latte in polvere, zucchero, amido modificato, addensanti,
coloranti e aromatizzanti. Un cocktail di sostanze che vanno a discapito della nostra salute!

Riassumendo: preferite la semplicità senza complicarvi la vita!

 

Ecco degli esempi di etichette di yogurt in vendita da preferire e quali da evitare:

 

Preferire

  • yogurt intero biologicoLactobacillus bulgaricus, Streptococcus thermophilus, Bifidobacterium bifidum

Evitare

  • yogurt parzialmente scremato: preparazione di frutta arricchita con calcio e vitamina D, E1422,
    polidestrosio, sali di calcio, aromi, colorante E120, zucchero;
  • yogurt intero con fermenti lattici vivi: preparato alla fragola (fragole 6% sul totale, zucchero, sciroppo di glucosio, fruttosio, amido modificato, aroma, colorante: rosso di barbabietola), zucchero.

 

Fonti: Anna Villarini, Francesca Di Gangi, “Scegli ciò che mangi – Guida ai cibi che aiutano a proteggere la salute”
Foto: https://www.flickr.com/photos/neilconway/

 

[az_button_sh inverted=”true” target=”_self” buttonsize=”button-medium” buttonlabel=”Che cos’è il Ceppo?” buttonlink=”https://www.ilceppo-firenze.it/” class=””]